top of page
  • Immagine del redattoreInnavoflora

Foliage nostrano

Negli Stati Uniti si chiama fallen leaves, in Francia foliage, in Giappone momijigari: la perdita autunnale del fogliame muove milioni di persone a caccia di panorami stupendi. E in Italia? La caduta delle foglie in autunno sta iniziando a diventare spettacolo anche nel nostro Paese, dove alcuni giardini storici – dalla Landriana a Sigurtà – e parchi naturalistici – come l’Oasi Zegna – possono vantare grandi alberi caducifogli che da ottobre a novembre si spogliano in un tripudio di rossi fiammeggianti, arancioni sgargianti, gialli solari che riempiono gli occhi e il cuore.

Ma un piccolo palcoscenico privato si può ricreare anche nel proprio giardino, senza doversi spostare, scegliendo una o più specie di alberi che in ottobre si trasformano, assumendo tonalità dorate nel fogliame appena prima della caduta autunnale.

Eccovi 5 esempi facilmente reperibili nel vostro Centro di Giardinaggio, che meritano un posto di prima fila nel vostro spazio verde.


Acero riccio, per grandi spazi

Destinato a giardini medio-grandi, perché raggiunge i 20-30 m d’altezza e supera i 10 di diametro, l’acero riccio o platanoide (Acer platanoides) si chiama così per la forma delle foglie che assomigliano molto a quelle del platano. Cresce velocemente (anche 1 m l’anno) ed è bello dalla primavera – quando fiorisce in giallo con grappoli eretti di fiori vistosi – all’estate – quando sfoggia foglie di un bel verde brillante – e all’autunno – quando il fogliame si tinge di giallo vivo o rosso intenso prima di cadere.

Si adatta a qualunque ambiente dal mare (non sulla riva) alla montagna fino a 1300 m di quota, passando per la città di cui tollera bene l’inquinamento. Il terreno gli è quasi indifferente: non ama solo i suoli umidi. Crea una splendida ombra estiva: ideale anche per raffrescare il carport (garage). Ne esistono numerose varietà selezionate per la bellezza e il colore del fogliame.


Betulla, la grazia in giallo

Per i giardini medi o piccoli, ma rigorosamente in zone non troppo calde (ideale in montagna, visto che è originaria dell’Himalaya, e comunque mai al mare) c’è Betula utilis var. jacquemontii o Doorenbos. Si alza per 5-10 m espandendosi per 2-6 m su qualunque tipo di suolo. Leggera e aggraziata, si fa notare soprattutto in autunno, quando le foglie a forma di picca si tingono di giallo limone prima di cadere, e poi in inverno per il candore striato di inchiostro della sua corteccia, che la rende altamente decorativa anche nei mesi in cui è completamente spoglia.




Ciliegio, fiori, frutti, foglie, corteccia

Si tende a piantare un ciliegio (meglio due, visto che quasi tutte le varietà sono autosterili) in giardino con l’intento di raccoglierne i golosi frutti, ma si trascura il piacevole risvolto della grande decoratività di Prunus avium. In autunno il fogliame si incendia in un tripudio di gialli, arancioni e rossi scarlatti, rivelando, dopo la caduta, la bellissima corteccia grigio-bruna lucente; mentre in aprile tengono banco i fiori bianchi che lo trasformano in una nuvola, e in maggio-giugno le rosse ciliegie. Se per avere i frutti è bene mettere due piante di due varietà diverse compatibili fra loro, nella scelta degli esemplari ha un peso il portainnesto, che stabilisce l’altezza e l’ingombro finali dell’albero: con portainnesto debole avrete un alberello di 3 x 6 h m, con uno forte un albero anche di 10 x 15 h m… Attenzione: le varietà da fiore in genere sono poco appariscenti per caduta foglie!



Faggio, colorato d’inverno

Il faggio (Fagus sylvatica) è una di quelle specie da piantare per i nipoti: saranno loro che godranno di un albero di 20 m di diametro e 30 d’altezza. Voi, nel piantarlo, tenetene conto: è adatto solo a grandi giardini, a meno di non scegliere una varietà a portamento “colonnare”, un pochino meno espansa. Maestoso ed elegante nel portamento, in autunno si accende di arancione prima squillante e poi più cupo: le foglie non cadono però in autunno, bensì nel marzo successivo, appena prima della nuova produzione, rendendolo spettacolare per parecchi mesi.

Preferisce suoli profondi, freschi e fertili, e soprattutto un clima fresco: è perfetto in montagna, mentre non resiste al mare. Crea un’ombra fitta (anche d’inverno: attenzione a dove lo mettete…) e cresce lentamente. Ne esistono alcune varietà con colorazioni più o meno intense e portamento più compatto.


Ginkgo biloba, la “pioggia dorata”

Un fossile vivente unico al mondo: il Ginkgo biloba con le sue foglie appiattite a ventaglio non ha eguali, neppure in autunno, quando crea una “pioggia dorata” alla caduta delle foglie color giallo sole. Con i suoi rami diritti dalla corteccia grigia può arrivare a misurare 15 m di diametro e 30 d’altezza, nell’arco di una cinquantina d’anni.

Si adatta a qualsiasi suolo e ambiente (è resistentissimo all’inquinamento), mentre non ama le zone costiere né l’alta montagna. Ha un solo difetto: essendo pianta dioica (a sessi separati), la pianta femmina produce frutti dall’odore sgradevole. Al momento dell’acquisto, chiedete un clone maschile certificato.




10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page